La mia cucina_Bucataria mea

7 maggio 2009

Macarons

Filed under: 09. Dolci_Dulciuri — Tag: — Adriana Nicoleta @ 16:37

Io gli ho fatti seguendola ricetta di questo libro comprato su amazon.fr.

Eu le-am facut dupa reteta din cartea asta pe care mi-am cumparat-o de pe amazon.fr

Il signore che ha scritto il libro insegna alla scuola di Alain Ducasse, dunque è una garanzia.

Ho fatto la ricetta base e gli o ho riempiti con una marmellata perché non avevo voglia in quel momento di dare una crema, anche perché avevo da “riciclare” solo gli albumi avanzati dopo aver fatto il panettone.

Nel mio libro è scritto che i macarons nacquero in un monastero veneziano (sul filone dei dolci fatte delle monache che avevano tempo e pazienza da dedicare alla produzione dolciaria spinti anche dalla necessità di ottenere così del denaro per sopravvivere in maniera auto sufficiente) nel ottavo secolo, e hanno la forma dell’ombelico di una suora. Dopo altri otto secoli, Caterina di Medici gli avrebbe portati in Francia sposando il Duca di Orléans, tramite i pasticceri che l’hanno seguita alla corte del futuro re della Francia. Essi diventano poi specialità regionale in molte zone della Francia e cominciano ad essere fatti sempre nei monasteri. Si dice che a Nancy, in seguito all’entrata in vigore di un decreto rivoluzionario che chiudeva i monasteri, due suore si sono rifugiate presso una famiglia ed hanno cominciato  a produrre e vendere i macarons.

I  miei albumi erano “vecchi” (e qui sconvolgerò tutte le persone che gli buttano il giorno dopo, io gli conservo per settimane nel frigo, gli uso per fare i dolci e sono ancora viva), erano temperatura ambiente, nel libro era scritto che si devono togliere dal frigo il giorno prima.

Il mio problema vero è stata la mancata farina di mandorle, ho tritato nel robotino delle mandorle a lamelle senza ottenere proprio una farina, ma alla fine si è dimostrato non essere un problema questo piccolo inconveniente perché i macarons sono riusciti benissimo. Ero un po’ scettica per questo e per “l’anzianità” degli albumi ma sono stata fortunata perché il risultato è stato splendido.

Tipul care a scris-o preda la scoala lui Alain Ducasse deci e o garantie.
Eu am facut reteta de baza si le-am umplut cu o marmelada pentru ca n-aveam chef in momentul ala sa fac o crema, de fapt aveam albusurile ramase de la panettone si trebuia sa le consum.
In cartea mea scrie ca s-au nascut intr-o manastire din Venetia (asta e o idee care circula aici despre mai multe dulciuri pentru ca pe vremuri maicile din manastiri aveau timp la dispozitie si rabdare si aveau si nevoie sa faca ceva ce sa se poata vinde in exterior ca sa le ajute sa traiasca) in al VIII-lea secol, si au forma buricului unei maici. Dupa 8 secole Caterina de Medici le-ar fi dus in Franta cind s-a casatorit cu Ducele de Orléans prin intermediul cofetarilor pe care i-a luat cu ea la curtea viitorului rege al Frantei. Ele devin mai apoi specialitati regionale in multe parti ale Frantei si incep a se produce tot in manastiri. Despre cele de la Nancy se spune ca, dupa ce un decret revolutionar desfiinteaza manastirile, doua maici se refugiaza la o familie si incep sa le produca si sa le vinda.
Albusurile mele erau “vechi” (si aici se vor indigna toate persoanele care le arunca dupa o zi, eu le tin bine mersi si mai multe zile la frigider si le folosesc si inca n-am murit) si mai apoi trebuie sa fie la temperatura camerei, in cartea mea e scris ca trebuie scoase din frigider in ajun
Cealalata problema a mea a fost faptul ca nu aveam faina de migdale si am macinat in robot niste migdale taiate in lamele care nu s-au macinat bine, asa ca am avut un amestec cu bucatele prin ele dar asta la sfarsit n-a influentat nici bunatatea si nici aspectul lor. Eram cam sceptica asupra rezultatului din cauza albusurilor pe care le aveam de mult timp in frigider si din cauza calitatii proaste a fainii dar am avut noroc si au iesit superbe.

E adesso comincio il racconto.
Questi gli ingredienti:
110 g farina di mandorle
225 g zucchero a velo
120 g albumi
50 g zucchero semolato

Acu incep sa va povestesc.
Astea erau ingredientele:
110 gr faina de migdale
225 gr zahar pudra
120 gr albus de ou
50 gr de zahar tos

Come diceva la ricetta ho frullato lo zucchero a velo con la farina di mandorle per 2 minuti (purtroppo il mio robot non è riuscito a frullare perfettamente le mandorle)
Asa cum spunea in reteta am amestecat bine zaharul pudra cu faina de migdale in robot 2 minute (pentru mine tot n-a fost suficient ca sa macine bine migdalele)

Imagine Atasata

Dopo di che questa miscela doveva essere setacciata, io non ci sono riuscita perchè le mandorle non erano state frullate perfettamente e ci ho rinunciato.
Dupa care amestecul acesta trebuie absolut obligatoriu sa fie cernut, eu am incercat dar n-am reusit din cauza migdalelor, asa ca am renuntat la faza asta.

Ho montato gli albumi a neve, quando erano pronti ho aggiunto lo zucchero semolato e continuato a montare.

Apoi albusurile trebuie batute spuma, cind sunt gata se adauga zaharul tos pina stau bat.
Imagine Atasata

Ho buttato in una volta sopra gli albumi la miscela di zucchero e mandorle

In momentul acesta se arunca deasupra tot odata amestecul de zahar pudra si migdale

Imagine Atasata

E ho mescolato pianissimo fino quando diventa un impasto omogeneo ma non liquido

Si se amesteca usor si incetisor pina ce amestecul devine omogen, dar nu lichid

Imagine Atasata

Ho fatto anche 2 foto del modo di uso della sac-a-poche che spero siano d’aiuto (idee prese dallo stesso libro); bisogna tenerla così, con i bordi in giù

Am facut si poze cu 2 idei de folosire a sac-a-poche-ului care pot ajuta sper ( idei luate din aceeasi carte); trebuie pusa astfel, cu marginile in jos

Imagine Atasata

si mette il becuccio

se pune virful

Imagine Atasata

La Wilton vende un barattolo per appoggiare la sac-a-poche simile a questo del frullatore Braun, se ne può fare a meno

Cei de la Wilton vind un pahar asemanator astuia care costa o gramada de bani (care e paharul de la mixerul brat Braun) si care e la fel de practic

Imagine Atasata

Dopo che l’abbiamo riempita tiriamo su i bordi

Dupa ce am umplut-o tragem sus marginile

Imagine Atasata

Si incolla la carta da forno sulla teglia mettendo una goccia di meringa negli angoli della teglia, si tracciano i cerchi con la mattia sulla carta per ottenere tutti i macarons della stessa dimensione

Se pune hirtia de copt in tava si se « lipeste » tava punind in cele 4 colturi cite un strop de bezea, se deseneaza cercuri cu creionul pe hirtie ca sa iasa egali macarons

Imagine Atasata

Comincio a riempire i cerchi tenendo il beccuccio diritto e posizionato in centro schiacciando fino quando il cerchio è riempito

Incep sa se umple cercurile tinind virful drept si apasind in centru cercului pina cind se umple complet cercul

Imagine Atasata

Così, in questa foto si vedono ahimè anche i pezzettini di mandorla che non sono riuscita a frullare bene

Astfel, in poza asta se vad bine bucatelele de migdale pe care eu n-am reusit sa le macin bine

Imagine Atasata

Con il dito umido si schiaccia ogni macarons nel punto in cui si è staccato il beccuccio per appiattirlo

Cu degetul umed se apasa pe fiecare macarons acolo unde a fost tinut posul ca sa se aplatizeze tumburucul acela care se creeaza
Imagine Atasata

Si lasciano riposare un’ora fino quando toccando la meringa con il dito non si incolla più (preferibilmente un posto caldo e asciutto)

Se lasa apoi tava o ora, in carte scrie pina cind daca atingi cu degetul nu se mai lipeste de bezea (de preferinta intr-un loc cald si uscat)

Imagine Atasata

Si cuociono a 150°C per 6 minuti_Se coc la 150°C pentru 6 minute

Imagine Atasata

poi si girano al rovescio e si cuociono altri 6 minuti_apoi se intorc cu fundul in sus si se mai coc alte 6 minute

Imagine Atasata

Quando sono freddi si riempiono con la crema, nel mio caso marmellata

Dupa care se racesc si se umplu cu crema, in cazul meu cu marmelada

Imagine Atasata

Un’altra idea trovata in questo libro, così banale ma così utile, man mano che si svuota la sac-a-poche con una spatola si spinge così per far si che il composto non si sprechi sulla sac-a-poche

Aici e alta idee foarte utila pe care am descoperit-o in cartea asta, atit de banala si atit de folositoare, pe masura ce se goleste posul cu o spatula se impinge in felul asta compozitia si astfel nu se pierde o multime de compozitie care altminteri ramine pe punga

Imagine Atasata

Et voilà mes macarons

Imagine Atasata

J’adore les macarons

Imagine Atasata

E questi sono quelli comprati ad Albertville_Iar astea sunt cele pe care le-am cumparat  la Albertville

Imagine Atasata

Blog su WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: